Cioccolatino indigesto

Cioccolatino indigesto

Decise di fare un altro giro. Al terzo cioccolatino, fece una smorfia, impallidì e stramazzò al suolo senza dire una parola. Tre minuti dopo era morto.

Non aveva proferito un lamento, pur essendo stato tentato di lamentarsi rumorosamente. Solo che, presagendo la fine imminente, decise che qualunque lamento avrebbe comportato una lesione per la sua dignità, e ritenne che, in quelle circostanze, una morte dignitosa fosse tutto ciò che gli rimaneva.

0 commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *