Disgusto

Disgusto

Percorreva mesto quella lunga strada bianca, deserta, buia. Solo i fari della sua automobile gli facevano compagnia.

Era uno di quei momenti nei quali non gli sarebbe importato di morire. Sapeva di essere stato frainteso, ma non aveva la forza di pensare ad un modo di spiegarsi, ed anzi disperava di riuscire a farlo, in ogni caso.

Perciò si trascinava lungo quello strada, con un filo di acceleratore, un sottile dolore al duodeno, una nausea latente, il disgusto della vita.

0 commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *