Il topo Pomodoro

Il topo Pomodoro

Ingolosito da un pezzetto di formaggio, il topo Pomodoro finì incollato su un pezzo di cartone imbrattato di vischio, messo lì come trappola per lui e quelli come lui.

Istintivamente abbassò il muso verso quella massa estesa, trasparente, minacciosa; col risultato che anch’esso finì incollato, cosicché egli non fu più in grado di respirare.

Finì presto di dibattersi, il povero Pomodoro, e quel terrore che agitava, sconvolgendolo, il suo piccolo cuore, fu presto rimpiazzato da uno stordimento rassegnato. Se ne andò così, ad un anno e tre mesi di vita, il topo Pomodoro, e lo sguardo vitreo del suo cadavere restò, anche se per poco, quale silenzioso rimprovero per l’atroce ingiustizia subìta.

0 commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *