Ossessione

Ossessione

Alessandro si sentiva infelice a causa della sua statura. Un metro e 67 centimetri gli parevano troppo pochi per vivere decentemente, e soprattutto per avere un rapporto soddisfacente con le donne. Volle farsi operare per aumentare la lunghezza delle sue gambe. Inutilmente il medico al quale si rivolse lo invitò a desistere, ricorrendo semmai ad un supporto psicologico per superare il suo complesso di inferiorità. Trovò il modo di farsi operare e di raggiungere il metro e 80, anche se il suo aspetto divenne singolare, con le gambe lunghe lunghe e il tronco corto.

Tutte le persone che l’avevano conosciuto prima dell’operazione presero ad evitarlo, essendosi sparsa la voce che il suo equilibrio mentale fosse gravemente compromesso. Egli se ne infischiò e si costruì una nuova vita a Gallarate, dove conobbe una brunetta, giocatrice di pallavolo, alta un metro e 75, e la sposò dopo quattro mesi di fidanzamento.

Ebbe un figlio disabile, e ne rimase molto dispiaciuto. Non riusciva a darsi pace, sinché un tumore al pancreas non se lo portò via in meno di due mesi.

0 commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *