Qualcuno come te

Qualcuno come te

A tutti dovrebbe essere concessa questa fortuna nella vita: incontrare qualcuno come te.

A me è successo, ed è stata la cosa che ha contribuito di più a rendere la mia vita degna di essere vissuta.

Senza di te sarebbe stata un’altra vita: una di quelle tante vite miserabili, di cui non vorresti nemmeno pensare a fare il bilancio, tanto sono fallimentari.

La mia, invece, è stata una vita piena e ricca, una di quelle vite che vorresti far durare per sempre, tanto le senti perfette, ma che, allo stesso tempo, sei pronto a chiudere in qualunque momento, perché sai che essa ti ha già dato molto di più di quel che tocca in sorte alla maggior parte di noi.

Leggerai queste parole quando la mia vita sarà finita.

L’ho deciso io, un minuto dopo aver saputo tutto sulla mia malattia.

Ho sempre pensato che mi sarebbe piaciuto morire come Epicuro, gustando sino in fondo la mia sofferenza e il piacere profondo che essa può procurare a chi conclude una vita degna di essere vissuta.

Se ho deciso diversamente non è perché abbia cambiato idea sulla mia sofferenza e sul valore di essa.

E’ la tua sofferenza, quella di cui non accetto l’idea.

Perciò me ne vado, e porto via con me la mia sofferenza, perché non diventi la tua.

Ti auguro di avere la mia stessa fortuna: incontrare qualcuno come te.

0 commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *