Un uomo da marciapiede

Un uomo da marciapiede

Esaurita la sua dose di buonumore, Stijn Scheepens cominciò a star male. Decise allora di fare una passeggiata sino al Vondelpark.

Lungo la strada non si rese conto di una ciclista bionda, che cercò invano di farlo spostare scampanellando e dicendo, con voce cortese, «Hello…. Hello…». Alla fine lei dovette fare uno scarto per non investirlo e gli diede un’occhiataccia piena di disappunto.

Egli cominciò ad avvertire un’ansia incontenibile.

Cambiò strada, e si diresse verso un coffee shop. Hashish e succo di frutta.

Ne uscì rinfrancato: rinunciò alla passeggiata, tornò a casa, si scolò due birre, quindi fece le due giocando a Championship Manager. Vinse due scudetti con l’Ajax, nella seconda stagione arrivò anche in finale di Champions League, ma perse 3-1 col Manchester United.

Spalancò la finestra e si buttò giù dal quinto piano.

Lo trovarono solo quattro ore dopo, spiaccicato sul marciapiede.

0 commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *