Vuoto

Vuoto

Eric Pilatovic, morto d’infarto a vent’anni, lasciò un vuoto difficile da colmare.

Era pieno di vita, energico, generoso, entusiasta in tutto ciò che faceva, e faceva tante cose…

Il padre restò come paralizzato.

Si muoveva a fatica, parlava sottovoce, a monosillabi, come se la morte del figliuolo avesse portato via anche la sua anima.

La madre pianse quasi ininterrottamente per tre giorni.

La sorella accentuò la sua irascibilità.

La fidanzata divenne triste, e tale restò per tutta la vita.

Quelli che lo conoscevano bene considerarono la sua morte come un segno dell’ingiustizia nelle cose umane.

Ed egli sorrideva, anche se, ormai, in modo decisamente distaccato…

0 commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *